Il paradosso del barbiere

Un interessante questione riguardante il concetto di insieme in matematica proviene dal cosiddetto paradosso del barbiere, proposto dal filosofo Bertrand Russel quasi un secolo fa. Un insieme è una collezione di elementi qualsiasi, per esempio di studenti oppure di scuole oppure di città. Si indica con la lettera maiuscola, mentre i suoi elementi sono denotati da quella minuscola. Gli insiemi si possono rappresentare graficamente e su essi si possono effettuare operazioni, spiegate nel Corso zero ‘Ripasso di matematica’ (http://www.29elode.it/ripasso-di-matematica-equazioni-disequazioni-trigonometria-corso-zero).

Pensiamo a un paese con un solo barbiere in attività e consideriamo questi due insiemi: uno (lo chiamiamo A) costituito da tutti gli uomini che si fanno la barba da soli, l’altro (B) da quelli che si fanno radere dal barbiere. Chiediamoci ora a quale insieme, tra questi due, appartiene il barbiere. Non possiamo includerlo in A, tra quelli che si radono da soli, perché si fa radere dal barbiere; ma non possiamo includerlo nemmeno in B, tra coloro che vanno dal barbiere, perché si rade da solo.

Questo paradosso, o più precisamente antinomia, unitamente ad altri simili, evidenzia che definire una proprietà non comporta automaticamente l’individuazione di tutti gli elementi che godono di quella proprietà. Nel nostro caso è difficile definire l’insieme delle persone che NON hanno bisogno del barbiere senza includere l’insieme stesso, così come, per esempio, è difficile definire l’insieme degli oggetti che non sono bicchieri senza possedere un valido criterio decisionale: il paradosso sta nel fatto che all’interno dell’insieme delle cose che non sono bicchieri bisogna includere l’insieme stesso, perché esso non è un bicchiere.

La questione evidenziata da questi paradossi – ossia la difficoltà di definire con precisione quando un elemento appartiene a un insieme e quando non vi appartiene –è tuttora controversa e ha avuto conseguenze importanti sui fondamenti della matematica, che hanno portato a una riformulazione della teoria degli insiemi.

Blog posts

  • Il Principe Jaroslav

    Posted on 21.05.2016 in

    La Russia, in questo 2016, può festeggiare un compleanno di tutto rispetto, mille anni! Nel 1016, dopo aver combattuto aspramente con i suoi fratelli per impossessarsi dei territori paterni, Jaroslav divenne principe di Kiev, dando origine al primo nucleo territoriale del futuro stato Russo e gettando le basi religiose e giuridiche di uno stato solido, destinato a durare nei secoli a venire.

  • Olimpiadi della matematica e compiti in classe

    Posted on 15.05.2016 in

    Una manifestazione che stimola la competizione tra gli studenti delle scuole secondarie è costituita dalle Olimpiadi di matematica. Gli scorsi 6 e 7 maggio, a Cesenatico, si sono svolte le finali nazionali, individuali e a squadra: sono state assegnate 24 medaglie d’oro, 50 d’argento e 75 di bronzo, secondo una graduatoria che ha premiato i ragazzi più meritevoli. Un’ulteriore selezione individuerà 6 dei 24 migliori studenti che potranno partecipare alle gare internazionali che si terranno a Hong Kong dal 6 al 16 luglio prossimi.

  • Professori premiati: ma quali?

    Posted on 13.05.2016 in

    La somma messa a disposizione dal Governo – il cosiddetto bonus di merito della ‘Buona scuola’ (duecento milioni di euro) – per premiare gli insegnanti che si saranno maggiormente messi in evidenza dal punto di vista educativo e didattico dovrà essere assegnata entro il 31 agosto 2016.

  • Scienza e bambini

    Posted on 09.05.2016 in

    Un obiettivo nobile di una nazione è quello di insegnare le materie scientifiche ai bambini. Discipline come la fisica, la matematica, la chimica, la biologia o la medicina risultano spesso ostiche anche alle persone adulte e nelle università italiane le facoltà delle cosiddette scienze esatte raccolgono il minor numero di iscritti rispetto a quelle umanistiche.

  • Il concorso e i vecchi concorsi

    Posted on 09.05.2016 in

    Come si accede all'insegnamento nelle scuole pubbliche? Secondo la nostra Costituzione, bisogna sostenere un esame (Concorso): «È prescritto un esame di Stato per l’ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l’abilitazione all’esercizio professionale» (art. 33), al quale si partecipa dopo aver preso una laurea magistrale (3 anni di diploma universitario + 2 di specializzazione). Prima della riforma del ciclo di studi universitario, bastava la laurea quadriennale e, per le scuole elementari, il diploma dell'istituto magistrale.

Pagine

Scegli qui il tuo videocorso!

Clicca sulla sezione di tuo interesse, tipologia di materia o scuola.

Oppure scegli fra decine di materie che compongono il ns
Catalogo completo.

 

  • Hai bisogno di chiarimenti o di informazioni?
  • Vuoi richiederci un nuovo corso?
  • Vuoi collaborare con noi?
  • Vuoi segnalarci un problema, un suggerimento, una lamentela?

Consulta la sezione DOMANDE FREQUENTI e, qualora non dovessi trovare la risposta al tuo quesito, CONTATTACI.

Risponderemo nel più breve tempo possibile!